Guide

Rapporto tra vendite nette e inventario

Gli stakeholder interni ed esterni di un'azienda osservano da vicino la relazione tra vendite e livelli di inventario. Il rapporto tra vendite e scorte fornisce indizi critici sul fatto che l'azienda stia mantenendo sotto controllo i costi di stoccaggio e raggiungendo i ricavi previsti.

Rapporto fatturato inventario

Le vendite divise per i livelli delle scorte equivalgono al fatturato delle scorte. Questo rapporto indica all'analista quante volte le scorte disponibili in magazzino sono state spostate o "girate" durante l'anno medio. Per arrivare a una cifra significativa, tuttavia, gli analisti finanziari utilizzano il costo delle merci vendute nel corso dell'anno, noto anche come COGS, in contrapposizione ai proventi delle vendite nette. Il motivo è che l'inventario che si trova nel magazzino di un'azienda è valutato al costo di produzione, anziché al valore di vendita futuro. Utilizzando il costo di produzione per misurare le vendite, il contabile garantisce un confronto "mele a mele" e ottiene una misura reale del rapporto tra vendite e livelli di inventario.

Calcolo

Per calcolare il rapporto di rotazione delle scorte annuale, dividere il costo netto delle merci vendute negli ultimi 12 mesi per i livelli medi delle scorte negli ultimi 12 mesi. I COGS dovrebbero essere al netto di eventuali resi e richiami di prodotti. Puoi calcolare i livelli medi delle scorte in diversi modi. Il metodo più semplice consiste nel calcolare la media dei livelli di inventario all'inizio e alla fine dell'anno. Un calcolo più accurato richiede l'aggiunta dei livelli delle scorte alla fine di ogni mese e la divisione del risultato per 12. Ciò eviterà la distorsione del rapporto a causa di cifre insolitamente alte o basse registrate alla fine dell'anno. A causa delle vendite natalizie, molte aziende tendono ad avere livelli di scorte di fine anno depressi che non sono rappresentativi delle scorte medie durante l'anno.

Significato

Come regola generale, maggiore è il rapporto di rotazione delle scorte, più efficiente è l'operazione. Un'azienda con un elevato indice di rotazione dell'inventario pagherà meno commissioni di stoccaggio e avrà meno dollari in giacenza. Ciò probabilmente ridurrà il suo fabbisogno di prestiti o libererà riserve di liquidità che possono essere destinate a nuovi investimenti o guadagnare interessi in una banca.

Le scorte elevate aumentano anche il rischio di deterioramento o obsolescenza. I prodotti deperibili possono andare a male in magazzino o richiedere cure costose. I prodotti high-tech o gli articoli alla moda possono perdere la loro rilevanza e attrattiva se rimangono in magazzino troppo a lungo dopo la produzione.

Un basso rapporto di rotazione dell'inventario suggerisce anche che l'azienda non è riuscita a raggiungere i suoi obiettivi di vendita originali, poiché le aziende raramente pianificano di mantenere le scorte in eccesso. Le scorte elevate di solito sono un segno che il reparto vendite non può spostare le merci con la rapidità prevista dal reparto di produzione.

Troppo poco inventario

D'altro canto, un rapporto di rotazione delle scorte estremamente elevato, che indica che l'azienda sta conservando pochissime scorte, dovrebbe essere letto con cautela. Anche se questo può significare che la società realizza la maggior parte delle merci su misura e le spedisce direttamente ai clienti per evadere gli ordini precedenti, può anche significare che l'azienda non è in grado di evadere ordini improvvisi e di grandi dimensioni e in alcuni casi perde le vendite. L'analista non può determinare quale di questi scenari sia più comune dal solo bilancio e necessita di una conoscenza approfondita dell'azienda e dei suoi clienti per tale analisi.