Guide

Tipi di controllo dell'inventario

Esistono vari metodi di controllo dell'inventario. Per le piccole imprese, il metodo di controllo dell'inventario utilizzato ha un impatto importante sul flusso di cassa e sui costi operativi dell'azienda. Qualunque sia il metodo di controllo dell'inventario utilizzato da un'azienda, gli obiettivi per la gestione dell'inventario sono validi indipendentemente dal settore o dal prodotto. Questi obiettivi includono la massimizzazione del servizio clienti, la riduzione dei costi operativi e la riduzione al minimo degli investimenti in inventario.

Controllo ABC

Il controllo dell'inventario ABC è un metodo per classificare e controllare l'inventario in base al suo livello di importanza. In genere, l'utilizzo del dollaro serve come criterio utilizzato per determinare l'importanza, ma vengono utilizzati anche altri criteri, come il volume delle vendite. Il controllo dell'inventario ABC funziona sulla vecchia regola 80/20: una piccola quantità di articoli normalmente domina i risultati nella maggior parte delle situazioni.

L'economista italiano Vilfredo Pareto fu il primo ad osservare questo principio, ora noto come Legge di Pareto. Il metodo di inventario ABC classifica gli articoli in gruppi in base a criteri predeterminati. Gli articoli di classe "A" ricevono la massima priorità e il controllo più stretto. Ad esempio, un'azienda esegue un'analisi di Pareto utilizzando come criterio l'utilizzo del dollaro e decide di detenere solo due settimane di inventario di classe "A", un mese di inventario di classe "B" e tre mesi di classe "C" e Inventario “D”. Poiché l'inventario di classe "A" ha il maggiore utilizzo di dollari, l'azienda si concentra sulla riduzione delle scorte disponibili di questa classe di articoli. Questa riduzione aumenta i giri di inventario e quindi riduce il costo di trasporto associato alla conservazione dell'inventario.

Controllo aggregato

Un altro metodo di controllo dell'inventario che coinvolge i gruppi è il metodo di controllo aggregato. Utilizzando questo metodo, un'azienda classifica i propri inventari in gruppi separati, ciascuno dei quali riceve un diverso livello di controllo dell'inventario. Ad esempio, un panificio potrebbe utilizzare tre diverse classificazioni: ingredienti come farina, zucchero e panna costituiscono una classificazione, gli articoli in lavorazione o parzialmente finiti comprendono la seconda classificazione e i prodotti finiti o gli articoli pronti per la vendita costituiscono la terza classificazione. Il modo in cui il forno controlla ogni classe di inventario dipende dalle regole stabilite per quella classe. Ad esempio, tutti gli inventari degli ingredienti potrebbero utilizzare una politica minimo / massimo: ogni volta che l'inventario raggiunge un livello minimo, il bakeshop ordina più inventario per raggiungere il livello massimo di inventario.

Scorta di sicurezza

Alcune aziende utilizzano un metodo molto semplice di controllo dell'inventario chiamato scorta di sicurezza. Le aziende utilizzano scorte di sicurezza a causa dell'incertezza della domanda dei consumatori, dell'incertezza delle prestazioni dei fornitori o dell'incertezza della disponibilità dei prodotti. Le scorte di sicurezza rappresentano una quantità superiore all'uso o alla domanda media di un prodotto. Ad esempio, l'utilizzo mensile della farina di un bakeshop è in media di 300 libbre. Poiché il panificio utilizza un processo speciale per procurarsi la farina, tiene sempre a disposizione 50 sterline in più per coprire l'incertezza della fornitura. L'utilizzo di scorte di sicurezza per controllare l'inventario aumenta l'esborso di cassa di un'azienda, inoltre aumenta il costo di trasporto associato alla proprietà dell'inventario.